YouFM: condiVivere la tua azienda. Benessere? Istruzioni per l’uso

YouFM: condiVivere la tua azienda. Benessere? Istruzioni per l’uso


4^ edizione del convegno annuale YouFM

Lo scorso 18 maggio si è svolto il convegno annuale della Rete d’Impresa YouFm. La sede degli studi televisivi di Telesanterno a Bologna ha accolto 150 ospiti e i responsabili delle sette aziende che costituiscono YouFM. Si tratta della quarta edizione, dal titolo: “CondiVivere la tua azienda. Benessere? Istruzioni per l’uso”, che ha trattato il tema del welfare attraverso l’approfondimento delle diverse sfaccettature che caratterizzano il benessere lavorativo. Investire sulle persone, realizzazione personale, ricerca del talento, alimentazione, mental treaning e dimensione famiglia sono le fondamenta per un lavatore appagato e prestante.

Questi temi sono stati sviluppati da un prestigioso parterre:

Mauro Sirani Fornasini – AD Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna S.p.A.
Paolo di Marco – Docente di Economia Università di Bologna e Socio fondatore di PD For
Valeriana Mariani – Fondatrice & CEO di Donna Impresa Magazine & Di. International Women
Livio Sgarbi – Coach di campioni sportivi, socio e fondatore di EKIS
Alfredo Saggioro – Esperto in medicina e nutrizione funzionale
Claudio Bighinati – Presidente GG Confindustria Emilia Romagna
Valentina Sangiorgi – HR Randstad

Durante il convegno, gli interventi dei relatori sono stati moderati da Viero Negri, manager di YouFM e General Manager di Amedea Servizi. Il concetto generale condiviso dai relatori ha visto al centro la serenità e i talenti delle persone per lo sviluppo di un’azienda solida.

Investire sulle persone affinchè le persone investano nell’azienda

I diritti del lavoratore è stato un tema centrale, trattato sia dal punto di vista umano che business. Il lavoratore, che non viene più considerato un dipendente ma una risorsa, deve avere la possibilità di sviluppare i propri punti forti. Lavorare non dovrebbe significare migliorare le proprie carenze ma puntare e valorizzare ciò che viene più spontaneo secondo la propria indole. Creare una realizzazione lavorativa basata sulle proprie doti personali, finalizzando l’impegno verso gli obiettivi aziendali: così si potrebbe descrivere il vademecum del lavoratore. Per l’attuazione di questo è fondamentale anche lo stato fisico. La spossatezza, l’alimentazione errata, il mancato sonno sono fattori che impediscono alle persone di essere energici e prestanti. Devono esistere fattori “soft” che permettono di vivere il proprio essere persona all’interno dell’azienda.

Il mondo cambia molto rapidamente e lo scopo di ogni organizzazione dev’essere quello di creare una dimensione lavorativa che si avvicini più possibile ad un’idea di benessere, benessere inteso come stato d’animo percepito dalle persone all’interno dell’azienda. Questa impostazione sarà infatti quello che permetterà al singolo di emergere professionalmente, rendendo così il welfare aziendale una responsabilità d’impresa, che in particolare le grandi aziende valutano come fattore strategico lavorativo. Valore che si sta sviluppando sempre di più anche tra le piccole-medie imprese.


Mercoledì 24 alle ore 20.00 nel Tg di Telesanterno, canale 18 del Digitale Terrestre, verrà data la notizia del convegno, che andrà poi in onda nella versione integrale alle ore 21,00 della stessa sera.


La notizia sul Resto del Carlino BO

La Patria
Ultime News

Potresti essere interessato a queste News


Hai dubbi o domande?

Richiedi la visita di un nostro consulente commerciale

CONTATTACI