Richiedi offerta

Quotidiani
Blog
|
|
Modena: intervista ad Alberto Novelli sulla raffica di furti nella Bassa modenese

Modena: intervista ad Alberto Novelli sulla raffica di furti nella Bassa modenese

tratto dal Resto del Carlino ed. Modena

Crescono i furti, non gli impianti di allarme. La crisi disincentiva la prevenzione

Novelli, responsabile La Patria: <Va cambiata la cultura>

Seimila clienti in tutta la provincia, di cui duemila tra Carpi e la Bassa modenese. Sono provati, commercianti, imprenditori che la notte “consegnano” le loro attività nelle mani dei vigilantes dell’Istituto La Patria.

Dopo la raffica di furti messi a segno nei supermercati della Bassa modenese, le forze dell’ordine hanno chiesto loro aiuto e collaborazione. <Non esistono motivi particolari perché un territorio sia più martoriato di un altro> dichiara Alberto Novelli, responsabile commerciale dell’Istituto di vigilanza.

Novelli, la Bassa modenese però è presa di mira da lungo tempo. Ci sarà una ragione?

<Forse, dopo il sisma del 2012. il territorio, ancora ferito, viene considerato debole, e quindi attaccabile, ma sono solo supposizioni. I furti dilagano ovunque. Anche dopo anni di lavoro, è difficile capire il modus operandi delle bande. Non siamo investigatori, ma è certo che nella Bassa cercano il denaro>.

Le casseforti dei supermercati..

<Principalmente, e non a casa sono stati razziati otto supermercati. Il furto di merce e prodotti non consente un lauto guadagna al pari del denaro. Nel caso poi di merce rubata e venduta ai ricettatori ancora meno. Ciò che attira il “ladro” è sempre il denaro. In più c’è ladro e ladro…>.

Cosa intende?

<I ladruncoli che s’intrufolano nelle scuole, ospedali, municipi per rubare dalle macchine del caffè e fare comunque ingenti danni, e le gang più specializzate che aprono le casseforti. D’ora in poi meglio lasciarle vuote>.

Sono gang pendolari?

<Un tempo, negli anni ’80 e ’90 c’erano i pendolari delle rapine, non dei furti. Potrebbe essere gente che vive in zona>.

Le forze dell’ordine vi hanno chiesto di collaborare, è così?

<Sì, siamo onorati. Ci hanno chiesto aiuto e collaborazione a seguito della raffica di furti nei supermercati, da Bomporto al Conad di San Martino Spino, e del clima di alta tensione e di paura registrato tra gli esercenti e le associazioni di categoria. Siamo ben lieti di collaborare>.

In che modo?

<Informandoli prontamente quando suona l’allarme, o nel caso di gente sospetta che s’aggira nella zona. Ni abbiamo apparecchiature sofisticate, che ci trasmettono immagini in tempo reale delle attività dei nostri clienti o delle case dei privati e delle aree esterne. Siamo anche in grado di capire tra allarme falso o reale>.

Ci spieghi

<A volte un uccellino o un gatto, per esempio, possono mettere in funzione l’impianto di allarme. Ma se è così non ci muoviamo. Altre volte, purtroppo, è la gang in azione>.

La gente ha paura, fa qualcosa per difendersi?

<Sinceramente non tanto. Non c’è la cultura nel nostro Paese, a differenza di altri stati. Si vive un po’ nel fatalismo. Al punto che non abbiamo registrato, in questi ultimi tempi, e in relazione ai colpi messi a segno in case, aziende, negozi, un incremento dei mezzi di sicurezza, come sistemi d’allarme e di videosorveglianza. L’aspetto economico, sicuramente, fa da deterrente, ma è pur vero che c’è ancora tanto da fare sul tema della prevenzione e della sicurezza>.

Viviana Bruschi

 


 

L’intervista sul Resto del Carlino ed.Modena

Contattaci

Richiedi la visita o una chiamata di un nostro consulente commerciale

* Campi obbligatori

Potrebbero interessarti anche:

24/12/2021

Che cos’è un nebbiogeno?

Il nebbiogeno è un dispositivo di antifurto che crea una vera e propria barriera protettiva. Grazie alla sua caldaia interna, libera …
07/09/2021

La Patria e il GB Junior ...

Dario Igor Belletta è campione del mondo di ciclismo su pista juniores nella specialità Eliminazione. Il giovane è parte del GB Junior …
03/03/2022

L’istituto di Vigilanza La Patria ...

Nella notte del 27 febbraio, a pochi passi dal centro di Roma, una palestra è entrata nel mirino dei ladri che
31/03/2022

La Patria per contrastare l’

L’Istituto di Vigilanza Privata La Patria e il Sindacato Autonomo di Polizia Sap hanno donato 3 defibrillatori alla Croce

© La Patria S.p.a 2021, tutti i diritti riservati. PI: 07764040965 – Via della Barca, 26 – 40133 Bologna I Privacy Policy

Configura la tua offerta

Cosa vorresti proteggere?

*Campi obbligatori